EU SCOUTING SESSION: Closing the loop /
Architettura e paesaggio nella circular economy

Sessione coordinata da:
Marina Rigillo e Mariateresa Giammetti
DIARC - Università di Napoli Federico II

   

Sessione promossa da:
Anna Artuso e Elena Cossu, Arcoplan
Waste Architecture Platform



L’European Green Deal, il piano di investimenti della UE, approvato lo scorso 15 gennaio, impegna circa un quarto del bilancio dell’Unione (100 miliardi di euro) per interventi e misure volte a fronteggiare il cambiamento climatico. Obiettivo strategico del Green Deal è fare dell’Europa il primo continente a zero impatto climatico, e a tal fine sviluppare un’economia realmente circolare, promuovendo azioni mirate alla riduzione dei rifiuti e all’incentivazione del riciclo e del riuso. I principi ispiratori del Green Deal hanno trovato spazio sia nei criteri strategici del bilancio a lungo termine dell'UE (New Cohesion Policy 2021-2027) sia all’interno del Next Generation EU, che propone di destinare almeno cento miliardi di euro per la transizione ecologica. Building and Renovating (costruire e ristrutturare) è infatti uno dei settori di punta del Green Deal, che prevede cicli di produzione edilizia più rispettosi dell'ambiente ed incentiva la riduzione dei rifiuti da C&D.  Il Green Deal orienterà i topics for applications della prossima programmazione Horizon, gli ultimi bandi da finanziare con i residui della programmazione attuale, e gli ulteriori bandi competitivi dell’Unione Europea.
Alla luce dello scenario descritto, l’obiettivo specifico della sessione è la creazione di un network di soggetti competenti interessati a collaborare per sviluppare linee avanzate di ricerca sul tema dei rifiuti da C&D, per supportare le amministrazioni verso modelli di gestione più sostenibili, per formare partnership affidabili per la partecipazione a bandi competitivi finanziati con fondi nazionali ed europei.
La sessione è coordinata da Marina Rigillo e Mariateresa Giammetti (DIARC, Dipartimento di Architettura dell'Università degli studi di Napoli Federico II) ed è promossa da Arcoplan Studio Associato (Padova) e da Waste Architecture Platform.

La sessione si struttura sui seguenti topics:

  • Tecnologie digitali e waste management: applicazioni dedicate alle piattaforme digitali (Life-Vamp, ORSO, etc.), uso di software dedicati (come GIS, GDSE, BIM), uso di social networks per la costruzione di data-base (crowd sourcing experience).
  • C&D nella Circular Economy: analisi e proposte migliorative per lo sviluppo di filiere produttive dei rifiuti da C&D; nuovo valore dei rifiuti alla luce dei recenti nuovi criteri di stima dell’economia circolare; ideazione di nuovi prodotti e processi per la riduzione dei rifiuti da C&D; avanzamenti delle conoscenze e competenze nel settore della demolizione selettiva e del closed loop architecture design; opportunità legate al riuso o al reimpiego di materie prime seconde nei processi di pre-fabbricazione digitale e nella progettazione parametrica.
  • Closing the loop e progetto urbano: il ruolo del progetto di riuso e riciclo dei rifiuti da C&D nella rigenerazione urbana; processi di integrazione per la gestione dei rifiuti negli strumenti di pianificazione urbana e territoriale; nuovi modelli di gestione e raccolta dei rifiuti finalizzati al recupero di materiali e al perseguimento di obiettivi di significativa riduzione dei rifiuti (Centri del Riuso, recupero e riciclaggio dei materiali, l’infrastruttura dei rifiuti: reti e nodi).

A chi è rivolta la Sessione:
Accademici, professionisti, aziende, Enti pubblici (Comuni, Province, Regioni) ed Enti privati, etc.

Come partecipare:
Per partecipare alla sessione e/o proporre la propria candidatura è necessario compilare il template qui disponibile ed inviarlo all’indirizzo studio@arcoplan.it entro e non oltre il 30 ottobre 2020. E’ possibile inoltre registrare un breve talk di max 2 minuti, oppure inviare una presentazione di max 5 slides che sarà visibile sulla piattaforma del SUM, al link della sessione.